"STORIE DI DONNE RACCONTATE DA DONNE" - 06/03/2010, VARESE

06 marzo 2010, ore: 17:00
Varese, villa Recalcati, Piazza Libertà, 1

 

Il 6 marzo 2010, ore 17.00 a Varese,  presso Villa Recalcati, piazza Libertà, 1 sarà presentato libro "Storie di donne raccontate da donne" di Rosella Orsenigo

 

Interverrano:

Avv.Francesca Brianza, assessore al turismo e alla cultura della Provincia di Varese

Prof. Francesco Maria Fazio, presidente A.N.D.O.S. onlus Nazionale

Flavio Menegazzi, Gran Maestro del Reale Ordine di Cipro

D.ssa Virginia Marelli, Editore XY.IT

 

 

 

 

Presentazione:

Siamo soliti pensare che la storia sia fatta di grandi avvenimenti, di importanti decisioni politiche e che le piccole storie personali non abbiano meriti per essere raccontate, conosciute e ricordate. Lo scopo di questo libro è dare voce alle donne che sono le più attente custodi della memoria nella certezza che ogni storia lasci una traccia nel tempo e che la vita di ogni essere umano, qualunque sia il suo sesso, la sua estrazione sociale, il suo grado di istruzione è sempre un evento degno di essere narrato.

In “Storie di donne raccontate da donne” sono presentate vicende di donne che hanno affrontato il quotidiano con responsabilità, hanno a volte subito il loro essere donna, hanno costruito la loro identità nell’impostazione di un’intera vita, donne che hanno contribuito a scrivere la Storia con il loro esistere. Molte donne avevano storie di famiglia da raccontare. In alcune, per motivi di “discrezione”, si è ritenuto opportuno mutare i nomi dei protagonisti e i luoghi dove sono avvenuti i fatti, in altre, al contrario, foto e documenti contribuiscono ad avvallare la precisione della testimonianza. Per le autrici non vi era limitazione di sorta: non di tempo né di epoca, non di lunghezza del testo, non di contenuto se non il fatto che si doveva narrare la storia di una donna. Così tutte hanno scritto ciò che ritenevano opportuno o che dettava loro il cuore.

Sono storie “vere”, la vita offre una gamma così vasta di opportunità che la fantasia è parsa superflua, storie la cui scrittura è passata attraverso due filtri: quello del ricordo e quello dei sentimenti. Dai racconti di quaranta autrici, legati gli uni agli altri da un sottile filo conduttore che ne sottolinea la grandezza, l’originalità e nel contempo l’universalità, emerge nella sua interezza il mondo femminile: storie di ieri e storie di oggi, donne madri, donne spose, donne nel mondo del lavoro, donne dai grandi sentimenti, che lottano per raggiungere i loro obiettivi, che affrontano con coraggio pericoli e paure sorrette spesso dalla fede, donne che non si piangono addosso, ma affrontato la difficoltà di esistere senza mai venir meno alla loro dignità.

Ogni storia, come la tessera di un mosaico o la singola pietra di un gioiello, è in sé di valore, ma unita ad altre, altrettanto preziose, acquista ancora più significato perché così genera qualcosa di unico, di compiuto, di meraviglioso. Racconto dopo racconto appare uno spaccato della società tra la fine dell’Ottocento e la prima metà del Novecento con accenni alle due guerre mondiali, al fascismo, al mondo del lavoro all’emancipazione femminile. Dalle testimonianze si evidenziano problematiche da sempre attuali come la libertà, l’indipendenza, diritti umani e vita privata e ci si trova partecipi di sensazioni e sentimenti che scopriamo appartenere alla nostra sfera più intima perché quella che viene narrata è la vita con specificità e valori che sono universali e senza tempo - Rosella Orsenigo