Valle Camonica racconta

   

Foggia, 21-22 maggio 2009
Siamo diventate Nazional Popolari

Il neonato Comitato A.N.D.O.S. di Foggia, consultando il sito del Nazionale, ha trovato inserita la pubblicità del libro scritto da Rosanna Ducoli. Miriam, Betta, Ester e Giovanna del Direttivo Pugliese, con tanta sensibilità e spirito di collaborazione, ci hanno contattate e invitate a Foggia a presenziare ad una serata, che hanno organizzato in una biblioteca del centro della città, per la promozione e la vendita a scopo benefico di questa testimonianza difficile, citata e descritta come “un vestito troppo stretto”, ma dove alla fine la gioia della vita prevale e vince con tanta determinazione su tutte le vicissitudini e sulla malattia. L’esperienza di questi due giorni, conferma che la solidarietà non ha confini. Siamo state loro ospiti e ci siamo sentite, da subito, come in famiglia. Alla serata erano sicuramente presenti tutte le socie tesserate (50 circa), che hanno portato anche nuove amiche, tanto che temevamo di non aver abbastanza copie del libro per tutte. Ci sono bastate ma le abbiamo, in pratica, esaurite. Era presente anche un chirurgo senologo che aveva operato parecchie delle signore presenti e che lavora all’Ospedale di S.Giovanni Rotondo (paese di Padre Pio).
E’ cugino di Betta e si presta molto affinché il gruppo di volontariato cresca e si consolidi. Devo riconoscere che loro sono quattro colonne portanti determinate , colte e che sicuramente sapranno far crescere un gruppo di volontarie che aiuteranno le donne di Foggia operate di tumore al seno a superare il difficile momento del periodo pre e post-operatorio.
Fulvia Glisenti

Nota della redazione:
Un grande grazie a tutte le volontarie dei comitati di Valle Camonica e di Foggia.
Ewelina
 

Entro il 2010 la radioterapia sarà operativa anche in Valle Camonica

Entro il 2010 in Valle Camonica potrà partire la radioterapia. I malati di tumore non dovranno più raggiungere la città per curarsi ma potranno rivolgersi all’ospedale di Esine.
L’inizio dei lavori per la realizzazione del bunker dove troverà sede l’acceleratore nucleare (acquistato grazie alla donazione di un milione di euro dalla Fondazione Zalesky) partirà a giorni considerato che la gara d’appalto si chiude il 31/05/2009.
Alla realizzazione del progetto ha contribuito anche la Regione Lombardia con 2 milioni e mezzo di euro.
Il progetto della radioterapia prevede l’installazione dell’acceleratore nucleare nel bunker che verrà realizzato presso ospedale per la cura, la diagnostica e l’impostazione delle cure saranno affidate all’equipe del Centro Radio del Civile di Brescia con il quale Esine colloquierà per via telematica.
A spiegare importanza del progetto è stato invitato dall’Andos di Valle Camonica in più occasioni il prof. Paolo Frata, primario del Centro alte Energie dell’Ospedale di Brescia e consulente dell’Asl camuna.
Ogni anno in Valle Camonica si registrano 600 nuovi casi di tumore.
Le persone che hanno bisogno di radioterapia sono tra le 350 e le 400. Attualmente, però solo la metà di loro accede al servizio, comunque in altri centri medici a Brescia o in altre città.



Pulmino A.N.D.O.S. – un sogno diventato realtà.

Un servizio molto apprezzato, reso possibile dalla sensibilità e disponibilità di preziosi autisti volontari.

Il trasporto con il pulmino è, da sempre, al servizio di tutti i malati oncologici che devono effettuare cure radioterapiche presso gli Ospedali “Civile” e “S.Anna” di Brescia.
A secondo delle necessità e della disponibilità dei posti (capienza massima 8 persone) è stato utilizzato anche per trasportare pazienti che si sottopongono a trattamenti di camera iperbarica.
Vista l’elevata richiesta del servizio, al bisogno, viene effettuato sia al mattino che al pomeriggio.

Riepiloghiamo il numero dei pazienti che hanno usufruito del servizio:
(da quanto è stato istituito)
Da ottobre a dicembre 2004 - 09
Anno 2005 - 33
Anno 2006 - 62
Anno 2007 - 64
Anno 2008 - 66
Da gennaio ad aprile 2009 - 25
_______________
TOTALE - 259

Considerando che ogni utente deve effettuare mediamente 30 sedute di radioterapia e, calcolando la massima capienza del pulmino, risulta evidente come il servizio sia utilizzato alla sua massima potenza. Dall’inizio del servizio ad oggi abbiamo sostenuto 259 persone x 30 terapie di media = 7770 SINGOLI VIAGGI EVITATI ( di andata e ritorno)

(Se anche tu (uomo o donna) hai del tempo libero e vuoi collaborare con noi…telefona al n°0364360407 (ore pasti) presidente Fulvia Glisenti)