Tumori: assegnato a 2 giovani scienziati il premio Lorini

   

Il sole 24 ore, salute, flash news, 29/04/2010

Sessanta i lavori presentati, due i giovani scienziati italiani impegnati nella lotta al tumore che si sono aggiudicati l`edizione 2009 del Premio Lorini, assegnato dal Presidente della Fondazione Lorini, Mario Longari, alla presenza di alcuni componenti del Comitato Scientifico della Fondazione (composto da Virgilio Ferrario, Mauro Moroni, Aldo Pinchera e Umberto Veronesi).
Vincitori ex-aequo sono Andrea Viale e Michelangelo Cordenonsi, premiati con un assegno di ricerca del valore di 30.000 euro. Viale, laureato in medicina presso l`Università di Torino, ha lavorato, tra l`altro, presso il Dipartimento di Oncologia perimentale dell`Istituto Europeo di Oncologia, Campus IFOM - IEO a Milano sotto la guida del professore Pier Giuseppe Pelicci. Ha conseguito il premio per uno studio pubblicato sulla rivista Nature condotto sulle leucemie mieloidi acute ed in particolare sui meccanismi che rendono immortali le cellule responsabili dell`origine della malattia, individuando nella possibilità di spegnere il gene alla base di questo meccanismo.
Cordenonsi dal 2006 è ricercatore in Biologia Molecolare presso l`Università degli Studi di Padova. Il lavoro di Cordenonsi premiato è stato pubblicato nell`anno 2009 dalla rivista Cell ed è centrato sull`identificazione delle basi molecolari e genetiche della progressione tumorale. In particolare lo studio individua il ruolo e le caratteristiche maligne conseguenti a mutazioni genetiche di una proteina normalmente in grado di bloccare lo sviluppo del tumore. Altri due lavori sono stati segnalati: il lavoro di Silvia Di Agostino, dell`Istituto Regina Elena dell`Ospedale IFO di Roma, e il lavoro di Silvia Piconese, dell`Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Alle due ricercatrici è stato corrisposto un rimborso spese di 3.000,00 euro ciascuna.