Nasce «superbowl», la molecola per il rilascio controllato di farmaci

   

Il Sole24 ore, Salute 24, Miriam Cesta, 20/09/010

Una molecola soprannominata "superbowl" perché va dritta alla meta, permettendo di ottenere gli stessi risultati da farmaci somministrati a più basse dosi e con meno effetti collaterali: è stata messa a punto dai ricercatori dell`Australian National University e pubblicata su Chemical Communications. "Abbiamo dimostrato che il rilascio del farmaco può essere controllato a livelli molto precisi, e ciò è molto incoraggiante per il futuro della somministrazione dei farmaci", spiega Michael Sherburn, che ha guidato la ricerca.
La molecola, a base di radicali liberi, sarebbe una sorta di contenitore organico in grado di catturare, detenere e rilasciare il farmaco al momento più opportuno, veicolandolo dritto all`obiettivo da colpire, e rendendolo quindi più efficace anche a dosi più basse.
Le prime molecole "container" sono state sviluppate negli anni `80, spiegano i ricercatori,
ma allora erano in grado di contenere molecole di pochi atomi: la "superbowl", invece, sarebbe capace di ospitare al suo interno molecole formate da un centinaio di atomi. "A differenza delle capsule convenzionali, adesso possiamo controllare la velocità con cui viene rilasciato un farmaco - spiega Sherburn -. Questo ci permette di somministrare dosi più basse di farmaci ottenendo gli stessi risultati ma con meno effetti collaterali".