TUMORE AL SENO: PIU' VICINI ALLE DONNE CON DIAGNOSI PRECOCI E UN NUOVO CENTRO SENOLOGICO

   

(Newsletter San Carlo Borromeo, Anno 4, n.3 marzo 2011)
 

Sono state oltre 500 le donne milanesi che, aderendo all’iniziativa promossa in occasione della Festa della donna dall’Associazione Nazionale Donne Operate al Seno (ANDOS), si sono recate in uno dei cinque Ospedali milanesi che hanno partecipato alla campagna di prevenzione delle patologie mammarie mettendo a disposizione i propri ambulatori nelle giornate del 7,8 e 9 marzo per una visita senologica gratuita.
In nostro Ospedale, che come nelle precedenti edizioni ha dato la propria piena disponibilità a sostenere la campagna di ANDOS, è riuscito a erogare ben 178 visite, un numero superiore a tutte le altre strutture, ma anche quest’anno, nonostante la disponibilità dei senologi a prolungare l’iniziativa per ulteriori due giornate, non è stato possibile accontentare tutte le donne che avrebbero voluto partecipare all’evento di ANDOS. Infatti, già nel corso del secondo dei tre giorni riservati alle prenotazioni, tutti i posti disponibili per le visite sono stati velocemente occupati.
Delle 178 donne che hanno scelto il nostro ospedale, ben 139 erano alla loro prima visita senologica e, grazie alla pronta verifica di Customer Satisfaction svolta dalle volontarie di ANDOS, abbiamo potuto immediatamente rilevare la loro piena soddisfazione per l’accuratezza della visite, per coloro che ne hanno avuto bisogno, il rimando a ulteriori approfondimenti attraverso il Percorso Diagnostico Facilitato, da tempo attivo nel nostro ospedale per rispondere in modo celere e puntuale a queste problematiche. 
Indubbiamente, la costante opera di sensibilizzazione  sulle patologie mammarie sta portando a una sempre maggiore adesione da parte delle donne sia alla campagna di screening, sia alle iniziative che di volta in volta vengono promosse.
La crescente consapevolezza e partecipazione delle donne si traduce nella possibilità di diagnosi sempre  più precoci, che rappresentano l’unica arma concreta per contrastare la malattia che colpisce una donna su dieci, assicurandosi il non invidiabile primato di rappresentare il 25%di tutti i tumori che colpiscono le donne, oltre a essere la prima causa di mortalità per tumore nelle donne, con un tasso del 17% tra tutti i decessi per causa oncologica.
Numeri che tracciano una situazione in cui diventa indispensabile assicurare alle donne la possibilità di accedere con facilità a controlli periodici.
Per questo motivo l’Ospedale San Carlo Borromeo, oltre ad avere messo a punto un Percorso Diagnostico Facilitato, è da qualche mese impegnato nella realizzazione di un nuovo centro senologico che disporrà sia di spazi adeguati per l’accoglienza delle donne, sia di due innovativi mammografi di ultima generazione per diagnosi sempre più accurate.
Per consentire la realizzazione del nuovo centro si è provveduto a trasferire il mammografo in uso al piano terra del “quadrato ambulatori”, proprio di fronte agli sportelli del CUP di radiologia.
Una soluzione provvisoria, voluta sia per evitare l’interruzione dell’attività, sia per non creare disservizi e lunghi tempi di attesa alle donne che devono sottoporsi all’esame mammografico.