Torino adotta il software anti errore per la terapia farmacologica

   

(SanitàNews, 07/06/2011)

Il Reparto di Medicina Interna A dell'ospedale "San Giovanni Bosco" di Torino ha detto addio alla carta nella gestione della terapia farmacologica dei pazienti. La carta verra' completamente sostituita da un software, collaudato su oltre 34.876 terapie, 750 giorni di funzionamento continuo, 36 utenti sanitari, che da giugno 2011 viene esteso all'intero Dipartimento di Medicina del San Giovanni Bosco, a partire dai reparti di Terapia Semintensiva, Cardiologia e Unita' Coronarica.
"L'utilizzo di specifici carrelli dotati di PC portatili e schermi 'touch', collegati via rete senza fili con tutto il resto dell'Azienda, permette al personale infermieristico di essere informato in tempo reale sulla terapia farmacologica stabilita e registrata dal medico per il paziente e di confermare l'avvenuta somministrazione - spiega Massimo Giusti, Direttore della Medicina Interna A del San Giovanni Bosco- consentendo cosi' un piu' corretto e completo controllo sia sulle somministrazioni sia sulle prescrizioni dei farmaci". Il progetto e' unico in Piemonte e fra i pochi in Italia. "Il software - sottolinea il Commissario dell'ASL TO 2 Giacomo Manuguerra - consente l'accesso tramite password alla singola camera, letto, paziente, l'impostazione da parte del medico della terapia specifica, sia orale sia iniettiva, l'indicazione del farmaco e del suo dosaggio, fornendo cosi' agli infermieri la prescrizione precisa e completa, pronta per la piu' corretta somministrazione". Tra i progetti futuri dell'ASL TO 2 nel settore e-health, vi e' l'adozione, presso la Nefrologia e Dialisi dell'Ospedale San Giovanni Bosco, di una Cartella Clinica Informatizzata che permetta la gestione del 'Diario clinico' del paziente ricoverato.