I beta - bloccanti riducono il rischio di metastasi

   SanitàNews, 04/10/2011

Uno studio condotto su 800 donne ha rivelato che l'uso di farmaci beta-bloccanti, generalmente utilizzati per contrastare l'ipertensione, potrebbero aiutare a inibire la diffusione delle metastasi del cancro al seno. A sostenerlo e' un gruppo di ricerca di studiosi anglo-tedeschi guidati da Des Powe del Nottingham University Hospitals (Regno Unito). I farmaci beta bloccanti sarebbero in grado di bloccare l'attivita' di una molecola sulla superficie cellulare, nota come ''recettore noradrenergico''; una volta bloccata l'attivita' di questa molecola le cellule neoplastiche non riescono piu' a spostarsi in altre parti del corpo, impedendo la diffusione del tumore. ''E' assolutamente cruciale - spiega Powe - sconfiggere la diffusione del cancro, se vogliamo aumentare davvero la sopravvivenza del cancro al seno''.