Superare la chemio con un taglio di capelli

   Sportello Cancro, Simona Marchetti, 03/02/2012

CANCRO
L'inglese Sara Duncan si fa aiutare dalla figlia di sei anni.
Che così comprende cosa significhi avere un tumore



MILANO - Sara spiega a Lola come maneggiare quelle forbici così grandi per le sue mani di bambina, mentre lei regge un catino in ceramica che raccoglie le ciocche che cadono dalla sua testa, fino a restare calva. La piccola ha il faccino concentrato di chi sa che sta compiendo un gesto importante e che ricorderà per sempre: già, perché Lola non sta semplicemente tagliando i capelli di sua madre, ma sta imparando cosa significhi avere un tumore ed essere costrette a convivere con la chemioterapia, che brucia qualunque cosa trovi. Come appunto la chioma un tempo fluente di Sara Duncan, che a 44 anni ha scoperto di avere un cancro al seno, ma ha trovato la forza di trasformare un evento così drammatico in un’esperienza positiva, chiedendo alla figlioletta Lola, di appena 6 anni, di tagliarle i capelli che avevano cominciato a cadere da soli a causa della chemio, per rendere meno traumatica alla bambina l’accettazione della sua malattia.

È DIVENTATO UN VIDEO - Un gesto d’amore che è diventato un video di tre minuti ripreso dal signor Duncan e postato su Youtube come monito per tutte le donne, affinchè non smettano di lottare contro il tumore al seno: non a caso, il filmato si chiude con l’invito a fare una donazione ad una charity a favore del cancro (l’obiettivo è di raccogliere 100mila sterline da devolvere a dieci enti di beneficenza), mentre il saluto finale di Lola e Sara è una foto di loro due abbracciate (scattata quando la madre aveva ancora tutti i suoi capelli) e un semplice “Thank You” subito sotto. In realtà, il video sarebbe dovuto rimanere una faccenda privata della famiglia Duncan, ma dopo averlo visto, Sara ne è rimasta talmente colpita da chiedere al marito Craig di postarlo su Youtube, così che tutti potessero condividerlo.

CATARTICO - «Farmi tagliare i capelli da Lola è stato davvero catartico – ha raccontato la coraggiosa Sara al “Telegraph” – e abbiamo riso entrambe molto durante l’operazione, trasformandola in una faccenda divertente e positiva. E quando abbiamo finito, è stato un vero sollievo perché il momento brutto era passato e poi, tutto sommato, non sto nemmeno così male come temevo». Alla donna era stato diagnosticato un tumore al seno a settembre dell’anno scorso, un mese dopo aveva fatto la mastectomia al seno sinistro e a dicembre aveva iniziato la chemio, cominciando quasi subito a perdere i capelli.

I CAPELLI SONO LA TUA IDENTITA' - «I capelli sono la tua identità - ha concluso Sara - e io ne avevo tanti, ma quando ho iniziato a perderli ho chiesto a mio marito e ai ragazzi (oltre a Lola, ci sono altri cinque figli, di età compresa fra i 9 e i 22 anni) di dirmi quando fosse arrivato il momento di raparmi a zero». E quando quel tempo è arrivato, è stata la piccola Lola a prendere forbici e macchinetta. «Dopo la rasatura, Sara si sentiva euforica – ha raccontato il signor Duncan - e tutta l’ansia che l’aveva divorata prima, si era come volatilizzata. Quando ho messo insieme il video, mi sono subito reso conto dell’impatto che avrebbe potuto avere su chi lo guardava e Sara è stata molto coraggiosa a volerlo mettere su Youtube. Inizialmente Lola, che stava ancora cercando di capire cosa significasse tutto ciò, si intristiva ogni volta che lo vedeva, ma adesso anche lei sa che lo abbiamo fatto per una buona causa». Ora Sara è a metà del ciclo di chemioterapia, che verrà poi seguito da tre settimane di radioterapia (una seduta al giorno) e da cinque anni di terapia ormonale.