Da Trieste la vaccinazione genetica antitumorale

   SanitàNews, 31/05/2012

Terapie innovative contro i tumori mediante la vaccinazione genetica antitumorale. Sono allo studio del laboratorio Icgeb, Immunologia Molecolare del Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologie di Trieste, diretto da Oscar Burrone. E' attualmente in corso una sperimentazione clinica di vaccinazione a Dna per un tipo di linfoma dovuto alla trasformazione maligna dei linfociti B. Si chiama vaccinazione, ma in realta' si tratta di una terapia dedicata a chi il tumore gia' ce l'ha, ha spiegato Burrone, "come quasi tutte le strategie immunoterapiche che hanno a che vedere con tumori gia' stabiliti. L'unico vaccino preventivo e' quello per il Papilloma Virus perche' li' c'e' un agente infettivo". In altri casi invece "quello che si cerca di fare, una volta identificato il tumore, e' indurre una risposta che sia specifica per le cellule tumorali. Quindi vanno fatti degli studi di analisi genetica su quel tumore in particolare per poter costruire un vaccino che e' a misura del tumore", ha spiegato l'esperto. In questo senso, ha aggiunto Burrone, "uno dei modelli su cui abbiamo iniziato a lavorare e' stato quello dei linfomi a cellule B che hanno una particolare caratteristica: tutte le cellule tumorali hanno una specifica proteina sulla superficie che e' unica e caratteristica delle cellule tumorali. Quindi se riusciamo a conoscere qual e' la struttura, la sequenza di questa proteina, la possiamo ingegnerizzare in laboratorio e, una volta somministrata al malato, il paziente puo' montare una risposta immunitaria verso le cellule tumorali. Insomma, si va verso una cura. Sono vaccini che hanno l'obiettivo di essere curativi - ha concluso - ora abbiamo terminato la ricerca in modelli animali che ha funzionato molto bene e abbiamo fatto una domanda in collaborazione con il professor Petrini dell'Universita' di Pisa all'Iss per poter avere un clinical trial sui pazienti e stiamo lavorando su quello. Abbiamo ottenuto l'autorizzazione e stiamo preparando il sistema per alcuni pazienti". Un approccio usato per il linfoma ma che "puo' essere trasferito ad altri tipi di tumori perche' c'e' un lavoro di ingegneria in laboratorio che si puo' applicare ad altri tumori, per esempio a quello alla mammella. L'idea quindi e' applicare tutto questo anche ad altri sistemi".