Un nuovo antitumorale riattiva i linfociti

   SanitàNews, 05/06/2012

Riarmare le naturali difese immunitarie contro il cancro, che per riuscire a invadere il nostro organismo usa un trucco: si nasconde. E' questa una delle nuove vie percorse dalla ricerca per battere i tumori. E fra le novita' 'in vetrina' a Chicago, al congresso dell'Asco, American Society of Clinical Oncology, c'e' anche un farmaco che promette di riaccendere i linfociti che il tumore spegne per spianarsi la strada e continuare a crescere e a propagarsi. La molecola, in sviluppo nei laboratori dell'americana Bristol-Myers Squibb, si chiama anti-PD1e ''sta per entrare in fase clinica III'', spiega Filippo Debraud, direttore del Dipartimento di oncologia medica e della Divisione di oncologia medica 1 all'Istituto nazionale tumori di Milano, uno dei centri italiani coinvolti nella sperimentazione. ''Le evidenze sono molto significative sul melanoma e sul tumore polmonare spinocellulare, fra i piu' difficili da trattare. E il prodotto sembra promettente anche contro il cancro dello stomaco'', uno dei tumori piu' 'orfani' di nuove cure.