Comitato Andos: fatti, non parole!

   Popolis, Cultura&Società, 05/10/2012

Comitato Andos: fatti, non parole!
Dieci anni al servizio delle donne operate di tumore al seno: 5-7 ottobre

dalla redazione

Esine (Brescia) - "Quando si cura la malattia si può vincere o perdere, ma quando ci si prende cura di una persona si può solo vincere “ (Patch Adams)

Il comitato Andos di Vallecamonica è stato costituito nel dicembre 2002 da volontari/e, donne operate al seno e non. Ne fanno parte e sono soci fondatori anche tre medici, che sono disponibili al bisogno e hanno il ruolo di operatori scientifici.
L’associazione nasce dalle esperienze dolorose di donne che, pur portando ancora nel corpo e nel cuore i segni delle prove subite, hanno saputo trovare la forza di superare il loro trauma, ma anche la spinta positiva ed attiva per aiutare altre donne colpite dalla stessa patologia.

Fatti non parole
  • Andos ha realizzato il sogno del PULMINO per il trasporto dall’Ospedale di Esine a Brescia per le cure radioterapiche, a favore di tutti gli ammalati oncologici. L’obiettivo è stato raggiunto in meno di due anni , grazie alla sensibilità e alla generosità della gente camuna, e già dal settembre 2004, il servizio funziona a pieno ritmo, tanto che in certi periodi hanno dovuto organizzare doppi viaggi giornalieri per l’elevato numero di pazienti che ne usufruiscono.
  • Hanno adottato Roberta, aiutandola per sopravvivere con un piccolo contributo mensile per circa 6 anni. Ora la sua malattia (tumore alla testa) e una caduta accidentale l’hanno costretta al ricovero in una casa di cura, non è più cosciente e per la retta da pagare è intervenuto il suo comune di residenza.
  • Hanno sensibilizzato i soci del LIONS di Valle Camonica che hanno donato la cifra totale per l’acquisto di un dispositivo che da ottimi risultati per Edema, Linfedema e Ulcere.
  • Hanno donato al reparto di chirurgia dell’ospedale di Esine la Sonda per la ricerca del Linfonodo Sentinella che, in molti casi , permette al chirurgo di effettuare un intervento al seno più mirato e meno invasivo, salvaguardando cosi anche il problema estetico e di riflesso psicologico alle donne colpite da tumore.
  • Hanno sostenuto con un contributo un progetto della Pia Fondazione di valle camonica, uno per l’ABM per la ricerca sulle malattie metaboliche che spesso non lasciano vivere i bambini, ed uno per Pelagie, una sfortunata adolescente della Costa d’Avorio, per permetterle di essere operata di un tumore al seno.
  • Hanno donato al reparto di Radiologia un Ecografo digitale computerizzato di nuova generazione che riesce ad individuare anche le più piccole micro calcificazioni.
  • Per anni, hanno finanziato due borse di studio, come supporto ospedaliero.
  • Hanno donato alla Radiologia due apparecchiature in Fibre Ottiche che permettono diagnosi di precisione impareggiabile.
  • Hanno donato una telecamera medica al reparto di Ortopedia, indispensabile in sala operatoria per eseguire artroscopie. Hanno ammobiliato due nuove stanze per l’Hospice.

L’attività di sensibilizzazione sul territorio procede in maniera costante, con eventi e convegni, così come la formazione e la partecipazione delle volontarie a congressi nazionali, su temi diversi legati al tumore al seno, alla prevenzione primaria e secondaria, alle informazioni sulle nuove tecnologie operatorie, alla scoperta delle nano tecnologie molecolari.
 
Ultimo, ma non per ordine di importanza l’avvio di laboratori di bellezza per pazienti oncologiche presso l’ospedale di Esine, versione italiana del programma internazionale “ Look Good … Feel Better “.

Numerose le iniziative programmate per festeggiare il decennale di costituzione, che vedranno il mese di ottobre dedicato alla prevenzione, con eventi di forte sensibilizzazione del territorio camuno.