Una donna su 4 non segue la terapia ormonale per il trattamento del cancro al seno

   SanitàNews, 11/04/2013

(Sn) - Roma, 11 apr. - Un quarto delle donne che dovrebbero seguire una terapia che blocca gli ormoni come parte del trattamento per il tumore al seno in realta' non la inizia o non la porta a termine. E' quanto emerge da uno studio dell'universita' del Michigan pubblicato da Breast Cancer Research and Treatment. La terapia con tamoxifene o altri farmaci analoghi, spiegano gli autori, riesce ad aumentare il tasso di sopravvivenza e abbassare le recidive nelle donne i cui tumori producono estrogeni o progesterone, al punto che alcuni esperti consigliano di prolungarla da cinque a dieci anni. Nonostante i benefici ormai noti delle 743 donne esaminate nello studio l'11% non ha iniziato la terapia, e il 15% l'ha fermata quasi subito. I motivi principali per la decisione, spiegano gli autori, sono gli effetti collaterali, simili alla menopausa. "Se vogliamo portare a 10 anni la durata della terapia c'e' il rischio che la percentuale di donne che non la segue aumenti - scrivono - dobbiamo trovare il modo di sostenere meglio le donne". (Sn)