Newsletter N.126 del 30 gennaio 2017

30 gennaio 2017

Newsletter N.126 del 30 gennaio 2017

Percorso formativo "Fare associazione A.N.D.O.S." - prima giornata - foto

24 gennaio 2017    A.N.D.O.S. onlus Nazionale

Si è da poco conclusa la prima giornata del nostro percorso formativo "fare associazione A.N.D.O.S.". Giornata piena di informazioni nuove ed utilissime. Grazie a tutti i 50 partecipanti(rappresentanti di 28 comitati). Grazie a Francesco Aurisicchio ed Alice Rossi della Ciessevi! Vi aspettiamo ad aprile!!!!
Vedi tutte le foto 

I COMITATI RACCONTANO

Incontri informativi - La crescita delle conoscenze - Latina

Comitati raccontano, Latina
vedi tutto 

Cuori intatti. La forza della vita dopo il tumore al seno - Catania, 1-12/02/2017

01 febbraio 2017 , Catania, Piazza Duomo, Via Etnea, 81 Museo Diocesano

Comitati raccontano, Catania 
vedi tutto 

La preservazione della fertilità, la gravidanza e la genitorialità dopo il tumore della mammella - Castelnovo di Sotto, 03/02/2017

03 febbraio 2017, ore: 17.00 , Castelnovo di Sotto

Comitati raccontano, Reggio Emilia
 vedi tutto

 
ULTIME NOTIZIE

Tumore al seno: la metà delle donne in terapia soffre di effetti collaterali?

HealthDesk, 27/01/2017

LO STUDIO
Nausea, vomito, diarrea, gonfiore alle braccia, difficoltà nelle respirazione e irritazione sulla pelle. Sono gli effetti collaterali delle terapie, chemioterapia e radioterapia, per il tumore al seno che affliggono la metà delle donne in cura - leggi tutto

Le donne operate di cancro al seno (in fase iniziale) hanno un’aspettativa di vita più lunga rispetto alle sane

Sportello Cancro, Vera Martinella, 27/01/2017

STUDIO OLANDESE
Analizzati i dati di 10mila pazienti curate tra il 1989 e il 2004: il rischio di morire
(per qualsiasi causa) delle ex-malate con più di 50 anni è più basso del 10 per cento rispetto a quelle che non hanno mai avuto il cancro. I risultati di uno studio olandese - leggi tutto

Tumore al seno, farmaco «troppo caro»: il servizio sanitario inglese non lo rimborsa (e scoppia la rivolta)

Sportello Cancro, Vera Martinella, 24/01/2017

GRAN BRETAGNA
Prolunga in media di 9 mesi la sopravvivenza di malati gravi, ma secondo le autorità i benefici non ne giustificano il prezzo elevato. L’esperto: «In Italia è disponibile e il nostro Servizio sanitario è tra i migliori, ma il problema esiste e rischia di esplodere» - leggi tutto 

Cancro al seno: scoperta una relazione con i glucocorticoidi

Salute Seno, Marta Impedovo, 27/01/2017

Questi ormoni, prodotti naturalmente dall'organismo e usati in farmacologia per diverse condizioni, compresa la nausea da chemioterapici, stimola la crescita del tumore al seno e la diffusione di metastasi - leggi tutto 

Tumori: l’arma per sconfiggerli è nelle piastrine

Popsci.it, 24/01/2017

BIOTECNOLOGIE / MEDICINA
Una nuova possibile arma per ostacolare la proliferazione delle cellule tumorali risiede nel nostro sangue, precisamente nelle piastrine. I ricercatori guidati da Zheng Gu, dell’Università della Carolina del Nord, hanno infatti utilizzato sui topi delle piastrine modificate come navette per raggiungere le zone in cui il tumore era stato asportato chirurgicamente. Giunte a destinazione hanno poi rilasciato il loro carico di anticorpi monoclonali per spingere alla morte le cellule rimaste - leggi tutto 

Lo zucchero favorisce lo sviluppo dei tumori?

27 gennaio 2017    www.airc.it

SÌ E NO. Gli studi dimostrano che un elevato consumo di sostanze in grado di alzare rapidamente l'indice glicemico è correlato a un aumento di fattori che favoriscono l'infiammazione e la crescita cellulare, ma la relazione diretta è stata dimostrata solo nel caso del cancro del seno. Una riduzione drastica del consumo di zuccheri non è necessaria: basta la moderazione, indipendentemente dalla fonte - leggi tutto 

Cancro al seno: un’alterazione genetica alla base della resistenza ai farmaci

HealthDesk, 25/01/2017

Circa il 15 per cento dei casi di resistenza al trattamento nei tumori al seno positivi ai recettori per gli estrogeni sono causati dall’eccessiva attività di un singolo gene denominato CYP19A1. Si tratta di un gene la cui funzione è la produzione dell’aromatasi, un enzima chiave nella biosintesi degli estrogeni e contro cui sono diretti i farmaci indicati contro questo tumore - leggi tutto

C'è un legame pericoloso tra cortisone e cancro al seno

Health Desk, 22/01/2017

LO STUDIO
I glucocorticoidi possono stimolare la crescita del tumore agendo sulla proteina YAP

I glucocorticoidi possono agire da potenti stimolatori della crescita del cancro al seno. È questo, in estrema sintesi, il risultato di uno studio condotto da ricercatori del Laboratorio Nazionale CIB di AREA Science Park a Trieste e pubblicato sulla rivista Nature Communications, che, oltre a fare nuova luce sul legame tra ormoni e cancro al seno, potrebbe portare a nuove indicazioni nell’utilizzo terapeutico dei glucocorticoidi - leggi tutto 

La diagnosi di tumore da una goccia di sangue

HealthDesk, 22/01/2017

Identificare la presenza di cellule estranee nell’organismo (come quelle tumorali) o lo stato di salute delle cellule circolanti nel sangue con un semplice prelievo è possibile, secondo una ricerca condotta da un team di ricercatori dell’Istituto di scienze applicate e sistemi intelligenti del Consiglio nazionale delle ricerche (Isasi-Cnr) in collaborazione con il Consorzio Ceinge-biotecnologie avanzate - leggi tutto 

I decessi per cancro sono calati del 25 per cento dal picco del 1991

Sportello cancro, Vera Martinella, 17/01/2017

STATISTICHE
Secondo il report dell’American Cancer Society la diminuzione di mortalità (-1,5% ogni anno) è dovuta soprattutto a lotta al fumo, diagnosi precoce e nuove terapie. Un declino stabile durato oltre un ventennio: dal 1991 al 2014 le morti per cancro negli Stati Uniti sono costantemente diminuite, tanto da rappresentare un calo del 25 per cento in circa 25 anni. La notizia arriva dal report annuale dell’American Cancer Society, che scatta la fotografia dell’oncologia Usa in merito a incidenza, sopravvivenza e mortalità - leggi tutto 

Terapie interrotte: servono più informazione e supporto

Salute seno, Marta Impedovo, 10/01/2017

NOTIZIE
Uno studio sul tamoxifene mostra che sintomi come nausea e vomito spingono spesso le donne a interrompere la terapia ormonale, anche quando il farmaco non ne è la causa - leggi tutto 

IL MEDICO RISPONDE
DOMANDA: prossima terapia?
RISPONDE: dott. ssa Fulvia Pedani

Gentile D.ssa,lo scorso agosto ho subito un intervento di quadrantectomia per un carcinoma di cm 0,4.La lesione mostra i caratteri morfologici del carcinoma duttale infiltrante,NST,G2 associato a microcalcificazioni.Il linfonodo sentinella è risultato sede  di macrometastasi.I parametri biologici evidenziavano uno stato di ormonosensibilità pari a ER90%,PgR2%.La frazione proliferante è pari al 5%,infine Her/Neu 0 negativo.Nel mese di settembre mi sottopongo allo svuotamento del cavo ascellare e l'esame istologico evidenzia unlinfonodo sede di metastasi con un Grading Istopatologico G2-G3 secondo U.I.C.C.,positivo per CK7 e ER,negativo per CK20,PgR e mammoglobina con associata presenza di focale flogosi cronica granulomatosa gigantocellulare del tipo da corpo estraneo e lipofagica e pronunciata congestione vascolare nel tessuto fibroadiposo inter-linfonodale e nel derma.In seguito ho iniziato un ciclo di chemio che consiste in 4 infusioni di EC,al termine del quale dovrò sottopormi a 12 Taxolo settimanali.Volevo chiederle:terminata la chemio,dovrò affrontare altre terapie?

Ringraziandola per l'attenzione prestatami le invio i miei saluti. Grazie 

Vedi la risposta

Dona il tuo 5x1000
Copyright © 2017 A.N.D.O.S. Onlus Nazionale





Se non desideri riceverne più per favore visita
http://www.andosonlusnazionale.it/pubblicazioni/newsletter/do/unsubscribe

I tuoi dati sono conservati a norma, come previsto dalla legge 675/96